Posts Tagged ‘stadi evolutivi’

Bisogni del bambino e compiti del genitore: dall’esistere all’esplorare

Questo articolo è stato letto 8447

La famiglia rappresenta per il bambino il primo spazio relazionale, è lo spazio privilegiato per la costruzione e lo sviluppo dell’autostima. Alla base dell’autostima c’è la convinzione di essere degni di amore e di essere competenti e ciò è possibile svilupparlo all’interno di una famiglia sana. I genitori offrono una grande quantità di messaggi durante il tempo trascorso con loro, attraverso i quali i bambini potranno scegliere gli elementi per la costruzione della propria immagine.

Il bambino nasce con alcuni bisogni definiti primari, fisiologici e psicologici, è indispensabile per lui ricevere cibo, calore, attenzioni e cure. Rispondere in maniera adeguata e competente a questi bisogni è fondamentale per la sua esistenza.

PRIMO STADIO: stadio dell’esistere 0-6 mesi

Dalla nascita ai 6 mesi c’è appunto lo stadio dell’esistere. In questa fase i genitori rispondono ai bisogni del bambino che vengono espressi esclusivamente attraverso il pianto, che a questa età è l’unico mezzo che il bambino ha per farsi capire e risolvere i suoi problemi. Quando il piccolo è affamato e piange, la risposta del genitore che offre cibo gli dà l’opportunità di imparare che può fare qualcosa, in questo caso piangere, per risolvere il suo problema. Sulla base di questa esperienza Continue Reading »

Educare..tirar fuori, non mettere dentro

Questo articolo è stato letto 7178

Il processo di educazione e crescita dei propri figli è molto complesso e va oltre le semplici interazioni causa-effetto, del tipo “ se metto in pratica questo comportamento, otterrò di sicuro questo risultato”, ma è il risultato di un insieme di fattori: l’unicità del figlio e il suo personale modo di rispondere agli stimoli, l’unicità dei genitori che si pongono verso il bambino con il loro caratteristico modo di essere e infine l’unicità della loro interazione. Una grossa fonte di disagio per i genitori nell’educare i figli, può derivare dalla scarsa conoscenza che hanno di loro stessi e del figlio che stanno allevando. Essere genitori fa ritornare, come in un flash-back, ai bisogni e alle angosce che caratterizzano la fase evolutiva attraversata in quel momento dal proprio bambino e questo può essere doloroso. Se i genitori riconoscono questi bisogni avranno l’opportunità Continue Reading »

Featuring Recent Posts Wordpress Widget development by YD