Archive for the ‘AMORE E SESSUALITA’’ Category

Quando la coppia “scoppia”

Questo articolo è stato letto 26086

Stare in coppia vuol dire trovare un modo proprio di stare insieme ad un’altra persona. Lo scopo del rapporto di coppia non è quello di attuare regole o impersonare ruoli fissi e prestabiliti (il modello dei genitori, di coppie vicine a noi, l’influenza dei codici culturali e morali), né tanto meno quello di seguire imposizioni del passato. Lo scopo è quello di essere felici insieme, di esprimere amore e di creare ogni giorno la propria relazione.

Alcune cifre: In Italia la durata media del matrimonio è di 12 anni al momento della separazione, di 16 anni all’atto del divorzio. Ogni 1.000 coppie ci sono 4,1 casi di separazione e 2,3 casi di divorzio. Età media al momento della separazione: le mogli: 38 anni; i mariti: 41 anni. Età media al momento del divorzio: le mogli: 40 anni; i mariti: 43 anni.

Come possiamo stare bene in coppia? Nelle favole i personaggi della coppia si incontrano, il Principe bacia la Principessa, si sposano e vivono felici e contenti. Nella vita non accade proprio così…al contrario malumore, incomprensioni, Continue Reading »

Che donna sei in amore? II Parte

Questo articolo è stato letto 26334

Proseguiamo il nostro cammino attraverso i copioni recitati delle donne in amore. Come già anticipato nella I Parte, nessuno di essi è patologico di per sé, ma è la loro applicazione ripetuta ed estremizzata che diventa pericolosa. Per sfuggire al fallimento, è importante diventare consapevoli, capire qual è il copione che si sta interpretando e ..……sperimentarsi nel cambiare personaggio! Oggi analizzeremo: la baciatrice di rospi, Continue Reading »

Che donna sei in amore? I Parte

Questo articolo è stato letto 28223

Sono tante e diverse, le parti che le donne recitano in amore, nella coppia e con se stesse. Questi i diversi copioni sentimentali rilevati dal libro “ gli errori delle donne in amore” di Giorgio Nardone: la fata, colei che cerca il principe azzurro, la bella addormentata, la baciatrice di rospi, la seduttrice, l’amazzone, la camaleontica, la strega, la braccatrice, la crocerossina, la dilagante, la moralista, la manger, la traghettatrice, la nave – scuola, la leccatrice di ferite e penelope.

Questo articolo nasce proprio dalla riflessione nata in me, subito dopo aver chiuso l’ultima pagina di  quel libro. La mia mente si è affollata di tutta una serie di ricordi, maturati negli anni, relativi all’ incontro e al confronto con l’universo femminile costituito da tutte le donne che ho incontrato nella mia vita…. amiche, colleghe, pazienti, sorelle, conoscenti e sull’osservazione delle loro dinamiche amorose e sentimentali e soprattutto sulla straordinaria capacità delle donne di complicarsi la vita.

Emergono chiaramente, nelle dinamiche amorose delle donne, una serie di copioni comportamentali che vengono interpretati e che vengono replicati di continuo. Non si tratta di modelli di patologia, ma di strategie di azione Continue Reading »

L’ABC della sessualità

Questo articolo è stato letto 48119

abc sessualitaIl linguaggio della sessualità è stato messo al centro di numerose ricerche di sociolinguistica e di antropologia linguistica, richiamando l’interesse degli studiosi su questo argomento, per la verità piuttosto trascurato…

Le parole che normalmente usiamo  non hanno un significato di per sè, ma sono solo un sistema di simboli per comunicare i propri significati agli altri. Da questo punto di vista, le immagini che ogni persona ha del mondo dipendono in gran parte dalle influenze esercitate su di lei dal linguaggio, dalle parole che adopera. E questo vale anche per la morale legata al linguaggio. Vi sono delle parole che, in determinate epoche, hanno rappresentato dei tabù sessuali e pertanto erano considerate impronunciabili senza generare imbarazzo o perplessità. Nella terapia sessuale è talvolta importante lavorare sul significato delle parole. Vi sono infatti dei termini che possono influenzare i comportamenti sessuali proprio perché è la stessa parola ad essere considerata un tabù. Si pensi alla parola “preservativo” che con grande fatica è riuscita ad uscire dalla clandestinità e ad essere accettata tanto quanto la parola di stesso significato “profilattico”.. Decodificare le parole, umanizzarle, ridare un significato, in base ad una ricerca etimologica, può aiutare alcuni soggetti ad avere meno paura delle parole, a sentirsi meno in imbarazzo nell’ascoltarle e nell’usarle e soprattutto a non lasciarsi condizionare nella propria sessualità.Vediamone alcune:

A

Afrodisia: Eccitazione sessuale morbosa. Erotismo esagerato.

Afrodisiaci: Tutte le sostanze che stimolano e provocano desiderio e eccitazione sessuale. Continue Reading »

Sessualità…cosa c’è che non va??

Questo articolo è stato letto 10340

Prima di parlare di disfunzioni sessuali maschili e femminili è importante definire il ciclo della risposta sessuale nell’uomo e nella donna che è composto da quattro fasi: desiderio, eccitazione, orgasmo, risoluzione.

Desiderio: Questa fase consiste in fantasie sull’attività sessuale e nel desiderio di praticare attività sessuale.
Eccitazione: Consiste in una sensazione soggettiva di piacere sessuale e nelle concomitanti modificazioni fisiologiche. Le principali modificazioni nel maschio sono la tumescenza del pene e l’erezione. Le principali modificazioni nella donna sono la vasocongestione pelvica, la lubrificazione e la dilatazione della vagina, e la tumescenza dei genitali esterni.
Orgasmo: Questa fase consiste in un picco di piacere sessuale, con allentamento della tensione sessuale e contrazioni ritmiche dei muscoli perineali e degli organi riproduttivi. Nel maschio vi è la sensazione di inevitabilità dell’eiaculazione, seguita dall’emissione di sperma. Nella femmina vi sono contrazioni (non sempre percepite soggettivamente come tali) della parete del terzo esterno della vagina.
Risoluzione. Ultima fase che consiste in una sensazione di rilassamento muscolare e di benessere generale. Durante questa fase, i maschi sono fisiologicamente refrattari ad ulteriori erezioni ed orgasmi per un periodo variabile di tempo. Al contrario, le donne possono essere in grado di rispondere a nuove stimolazioni quasi immediatamente.

I disturbi di cui parleremo si vanno ad inquadrare quindi nelle varie fasi della riposta sessuale; è importante sottolineare che Continue Reading »

Featuring Recent Posts Wordpress Widget development by YD