Archive for Ottobre, 2010

Che donna sei in amore? I Parte

Questo articolo è stato letto 28529

Sono tante e diverse, le parti che le donne recitano in amore, nella coppia e con se stesse. Questi i diversi copioni sentimentali rilevati dal libro “ gli errori delle donne in amore” di Giorgio Nardone: la fata, colei che cerca il principe azzurro, la bella addormentata, la baciatrice di rospi, la seduttrice, l’amazzone, la camaleontica, la strega, la braccatrice, la crocerossina, la dilagante, la moralista, la manger, la traghettatrice, la nave – scuola, la leccatrice di ferite e penelope.

Questo articolo nasce proprio dalla riflessione nata in me, subito dopo aver chiuso l’ultima pagina di  quel libro. La mia mente si è affollata di tutta una serie di ricordi, maturati negli anni, relativi all’ incontro e al confronto con l’universo femminile costituito da tutte le donne che ho incontrato nella mia vita…. amiche, colleghe, pazienti, sorelle, conoscenti e sull’osservazione delle loro dinamiche amorose e sentimentali e soprattutto sulla straordinaria capacità delle donne di complicarsi la vita.

Emergono chiaramente, nelle dinamiche amorose delle donne, una serie di copioni comportamentali che vengono interpretati e che vengono replicati di continuo. Non si tratta di modelli di patologia, ma di strategie di azione Continue Reading »

Progetto bambini e carcere: Giornata di orientamento per diventare volontario

Questo articolo è stato letto 12722

Giornata di orientamento e formazione per conoscere il progetto “Bambini e Carcere” e per aderire come volontario: Sabato 4 dicembre ore 9,30 – 16,00 presso la sede di Telefono Azzurro in via Portuense 332 Roma.

Per informazioni  puoi scrivere alla referente del progetto carcere Elena Seina a questo indirizzo [email protected] o accedere alla pagina facebook Bambini e Carcere Roma Rebibbia http://www.facebook.com/#!/group.php?gid=151241714579

Il progetto “Bambini e carcere” si propone di valorizzare la genitorialità rappresentando anche per il detenuto un’opportunità: per crescere come persona in qualità di genitore, con la consapevolezza che l’aiuto, la facilitazione sul piano della relazione con i propri figli sia importante anche per Continue Reading »

I nostri autoinganni: La profezia che si autoavvera

Questo articolo è stato letto 34671

profezia che si autoavveraL’idea alla base di questo concetto è che un’opinione pur essendo falsa, per il solo fatto di essere creduta vera, porta la persona a comportarsi in un modo che fa avverare l’aspettativa. A partire dalla nostra convinzione iniziale su come andranno le cose, noi tutti attuiamo in modo inconsapevole delle azioni che portano a realizzare nei fatti quella profezia.

Si tratta di meccanismi mentali che ci fanno trasformare gli altri in ciò che vorremmo, o comunque ce li fanno vedere come vorremmo. Per esempio se ci convinciamo, per una qualunque ragione, che una determinata persona ci odia e ci detesta o che al contrario sia attratta da noi a quel punto scatta il nostro comportamento che sarà di ostilità e difesa nel primo caso, di fiducia e apertura nel secondo. In questo modo influenzeremo Continue Reading »

Scala di valutazione per lo shopping compulsivo

Questo articolo è stato letto 12040

Test shopping compulsivo

Test di valutazione per lo shopping compulsivo.

Permette una prima valutazione personale, per distinguere tra coloro che hanno una compulsione verso lo shopping e coloro che hanno attegiamenti normali o a rischio.

Leggi attentamente le 12 domande e decidi quanto ognuna di essa descrive la tua esperienza personale.

 Quanto frequentemente acquista cose che non usa?

  • Sempre
  • Spesso
  • Mai

 Quanto frequentemente acquista cose senza avere il denaro sufficiente? Continue Reading »

Quando lo shopping diventa patologia

Questo articolo è stato letto 10234

Dipendenza da shoppingI numerosi stimoli pubblicitari a cui siamo esposti giorno dopo giorno che promuovono l’acquisto di questo e quel prodotto, altri fattori esterni come le persone frequentate o i modelli sociali, possono talvolta generare particolari credenze che si trasformano in convinzioni surreali circa la positività e i vantaggi legati al suo acquisto, fino a spingerci a pensare che il possesso di quel magico prodotto sia sinonimo di benessere interno ed esterno, che esso sia capace di compensare o persino risolvere i nostri disagi interni. Tale fenomeno è cresciuto così tanto da generare in alcune persone, la cosiddetta dipendenza da shopping compulsivo, la quale, quasi sempre, sfocia in una vera e propria dipendenza dagli acquisti con sintomi psicofisici simili alla dipendenza da sostanze.

La nota scrittrice Sophie Kinsella ha trattato questo problema in chiave ironica nei suoi ultimi romanzi “I love shopping”, “I love shopping in bianco”, I love shopping con mia sorella” ecc. Nei suoi brani emerge in maniera particolarmente illuminante quanto accade ad una persona che soffre di questo problema.

Lo shopping compulsivo è un comportamento di acquisto guidato da un impulso urgente e irresistibile a comprare, da una tensione crescente alleviata solo Continue Reading »

Featuring Recent Posts Wordpress Widget development by YD